PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Non fuggo

Non fuggo - e l'insulto mi raggiunge
mi colpisce e m'imprigiona.
Dibattersi è crudeltà vana - non fa che male aggiunto.

L'astuzia del momento invece fugge
e non lascia tracce.
La solitudine combatte contro il vespro.

Sento il peso della sera e della pioggia
e vedo solo terra male illuminata e nera.
Lucida e piatta consistenza della volontà di partire.

Ma da qui non si parte - non si vola via
e non si ha diritto al desiderio.
Il tempo scorre nelle viscere - e n'esce, intatto.

Se mi riesce il sorriso è solo perché
posseggo un memorare che capovolge il difetto.
Implorare è difficile ufficio - che occorre praticare.

 

2
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 03/02/2017 11:27
    Versi sublimi per quanto di reale hai seguitato portandoci a RIFLETTERE.
    Il mio elogio e la mia lieta giornata, Walter.
    *****

1 commenti:

  • Gianni Spadavecchia il 03/02/2017 10:37
    A volte si viene inghiottiti, ma non si fugge, non si scappa. Per scelta o per obbligo. Rimane solo una cosa... Affrontare.
    Bei versi.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0