PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Quel che c'è stato

Il ramo, il cinguettio, il silenzio,
rumore sordo, agognato momento.

Che dire di questo correre lento?
Si salvi chi può, per il momento.

È un pensiero, è un'auto che striscia,
striscia sull'asfalto malridotto.

È finito il tempo delle cicale,
ora le formiche avanzano a testa bassa.
È inutile guardare in alto,
tutto è troppo grande, non si prende,
meglio concentrarsi sulle mattonelle.

Non ho detto gonnelle, oh gente sfiziosa!

Come l'inizio è un caso,
la fine languisce senza parole
e una sirena lontana rompe il silenzio
e il ramo è spezzato, l'uccello se ne è andato,
rimane il momento e quello c'è stato.

 

4
5 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • frivolous b. il 16/03/2017 16:50
    Interessante! In questa tua magistrale poesia c'è anche un lato "teatrale" molto gustoso!!!
  • vincent corbo il 26/02/2017 07:59
    Questi versi mi hanno fatto pensare al "Caos calmo" di Moretti.
  • Rocco Michele LETTINI il 24/02/2017 06:37
    hai tentanto di smacchiare... diciamo il zozzo nauseante del nostro non cercato percorso.
    Intensa quanta esaustiva et... diligente verseggio.
    *****

5 commenti:

  • silvia leuzzi il 22/03/2017 19:20
    Non avevo visto, perché la mail non mi segnala più nulla che è fuori uso, che altri lettori hanno lasciato un segno. Ringrazio davvero tutti per l'attenzione prestata a questi versi
  • silvia leuzzi il 28/02/2017 20:00
    Carino l'accostamento grande Vincent walter in effetti la poesia è una pittura d'anima, una fotografia del pensiero, un momento appunto. Grazie siete davvero tutti molto carini
  • Walter Tresoldi il 25/02/2017 12:31
    Catturare l'istante, quasi una fotografia, e poi lasciarlo andare, spezzato, nella memoria...
  • silvia leuzzi il 24/02/2017 19:13
    Grazie Rocco e grazie Gianni sempre tanto attenti e gentili con me. Un abbraccio a tutti e due
  • Gianni Spadavecchia il 24/02/2017 10:47
    Poesia molto bella e ben ritmata. Le rime danno musicalità e facilità nella lettura.
    Mi è piaciuta.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0