PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il barista non c'era

Non hai più sufficiente fiato
per trattare di imprese ardue,
e nemmeno per il dire banale.

(L'uomo era seduto al tavolino.
Il barista non c'era).

Paradigma d'esordio può essere
il pensiero aggrovigliato
a fatti usuali, contagio salace
d'impennate assurde e buie
che lasciano dilaniato il tempo.

(Il barista è tornato.
L'uomo ha lasciato il tavolino).

Le ore si dipanano lentamente -
eritema del momento smosso.
Alleanza ludica. Deflusso.

 

2
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • vincent corbo il 16/03/2017 07:16
    Interessante... L'incipit sembra un monito a non sprecare il tempo che resta con banalità del quotidiano vivere... poi è tutta una ricerca all'interno di fatti e contatti della quotidianità, una trasfigurazione alla ricerca di nuove prospettive.
  • Rocco Michele LETTINI il 16/03/2017 05:57
    ESAUSTIVO QUANTO ACUTO VERSEGGIO COSTRUTTO CON MAESTRIA.
    LIETA GIORNATA, WALTER.
    *****

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0