PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Ancora sulla vita

Dentro e fuori,
il cormorano patisce la lubrificazione,
il suo conato di figli
è morte che respira prima ancora della nascita,
dividendi nell'oscurità,
morte di ovuli che finiranno alla mammella,
lavori, sudori, decomposizioni.

Che cos'è la vita se non questo lento
e meccanico agire nella ripetizione?
Io mi confondo nel dolore
quando penso alla migliaia di secoli
e i secoli a venire,
in questa produttività
che si conforta del lutto di esserci.

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0