PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

O'puorp

Abiti.

Siamo morti insieme.
Il meraviglioso creato,
ha deciso energia dalla notte e dalle serrande rotte.

Gennaio del '33, l'Austria era bella
e tu eri più sola.
fare la pace col passato, esser capace ma massacro.

Gaetano, il remissivo
e gli specchi della fragilità di mio padre di fronte alla vita,
alle bombe tragiche che arrivano per e-mail.

e a me Elein, che al suono infame perde i sensi nel groviglio dell'estasi delle cose,
o all'ombra di Elein, arrivista, per devozione, all'ordine portato dal senso certo.

Certe volpi, passando attraverso la negazione della loro bramosia per l'uva poi hanno fondato dinastie.
Ma è una speranza, niente di più.

Nessuno m'ha insegnato i silenzi ed
Io venero il sole, unico drago che abbia volato mai.

il sole insegnò a Camus, e a me i venti,
che la storia
non è tutto.

Alle porte del mio tempo dico addio.

Bere il sapore di chi ti ha voluto bene,
questo mondo però non c'ha voluto bene.

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0