PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Classe vissuta

In un mondo ormai di nessuno,
come la terra per Poseidone, Nettuno
ci si trova sempre tutti a confronto,
un'unica sfida dall'alba al tramonto,
contro persone emotive, apatiche,
o appartenenti a catalogazioni emblematiche,
cisegender, transgender, agender e gender queen,
tutti senza differenze dietro ad uno screen,
un'interfaccia che nasconde l'idea
d'un ormai troppo nascosta etopea.
Da una classe di liceo potrei a narrar partire,
prima che un chiunque mi possa fermar e zittire.
In prima fila una coppia con un solo obiettivo,
nata da un semplice scopo attrattivo,
da sole nulla ma insieme più forti,
talmente esili che scheletri sebran meno morti,
trentotto han' stipulato come loro meta,
ma come mezzo non bastava più la semplice dieta,
un nuovo spunto hanno preso da una loro compagna,
che dalla seconda fila, le lezioni, ogni giorno loro accompagna,
per la sua mente il cibo è ritenuto ripudio,
nella sua espulsione forzata ha trovato rifugio,
sempre dopo pasto ritrova la porcellana,
per liberare la mente da un'ansia di disagio malsana.
Da sempre nell'angolo più oscuro della stanza
sta una ragazza in compagnia della sua intelligenza,
con una mente che viaggia in alto più degli antielisei
studiando e affondando nelle antiche storie dei popoli nord europei;
proprio come le altre il suo corpo non riesce ad accettare
e si cimenta con tutta se stessa nei libri a studiare,
nessuno prova a convincerla della sua bellezza,
aggettivo che in lei non vede, che appena sente disprezza.
Infine all'oscuro non controllato ultimo banco
compaio io vigile che dal fondo osservo come se fossi un falco,
una complicata armonia tra anoressia,
autolesione, solitudine e bulimia.
Ognuno qui la propria storia nasconde con segretezza
continuando la propria vita adolescente con piena fierezza
non dimenticando però il loro unico punto in comune
forte emozione che valorizza la loro esistenza nell'ecumene,
tutte diverse con un valore condiviso, la speranza
che nel bene o nel male le accompagna in ogni circostanza;
di vivere, morire, esser salvate o umiliate
proprio non interessa,
convinte che da lei non verranno mai abbandonate
o di diventar un giorno di un principe la sua principessa.

 

2
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • frivolous b. il 18/09/2017 09:24
    Davvero molto interessante! sia per contenuto che per forma, complimenti!!!
  • vincent corbo il 09/09/2017 08:58
    Molto, molto carina questa tua creatura.

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0