PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Pe' filo e pe' segno

Ria'ersi, anti'hi gesti,
pe' la forma anti'a
sceglieresti i'-rritorno,
fin' a codesto niente
scorda sì distacca'o,
assorvere i'-vvento:
'un resiste, distrugge
pian piano, contro
viottole inna'e vorta...
La 'oglia avéza,
pe' la testa ricuci'a,
pe' le 'ose perdu'e
ormai cesserebbe.

Busca un urtimo ritorno
durasti già 'omo, vole'a
dianzi tornà' in tempo;
'un si pòle rimanè' più,
icché-fferma l'incisione,
e fruisce i' proprio male:
gl'è troppo tardi ormai?
scroscià' di precisione,
pe' ridere a i'-vvedessi.
La rabbia smorza'a,
pe' la sabbia cadu'a,
gl'ha allontana'o di te
la bella proiezione.

Da Pra'a 'un ripartiresti,
foglie d'a'acia su l'asfarto
no'ella ora, la fine manchi,
nostargia raccesa di notte,
all'urtimo giorno dell'anno,
'un si muterà più la pelle
ma zolla, imparà' a memoria
da' l'aìre alla 'un ri'ordanza,
pe' la paura e pe' i'-tterrore
si trasforma, di s'ono
i' ri'ordo dura, ippiù
di' ridi'olo abbaglio
da lontano un fottio.

Pe' via di-cchè: atavico,
'un c'è verso pe' dialetto,
bell'e pronto séguita ire,
di' principiare abbozzi,
ni-mmèzzo e ni-vvìso
sveglere, 'un turassi su
ma le'assi, sgraffigna'o
gl'è sul serio ignudarsi

123

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0