PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Canta, Orfeo!

Quale dolore albergava nel tuo petto
poeta e musico valente Orfeo,
tu che di Calliope eri figlio
e di lei avevi voce ed intelletto.

S'acquietavan le feroci belve
nell'udire il melodioso suono
della tua lira dono del dio Apollo
e frutto degli insegnamenti delle Muse.

Gli uccelli si fermavano sui rami
unendo il loro canto al tuo
e le Sirene languide e ammaliatrici
restavan folgorate dalle melodie.

Solo un tuo gesto, solo un tuo verso
cantato insieme alle note della lira
e ogni fanciulla ai tuoi piedi avresti avuto,
ogni creatura si sarebbe inchinata al tuo desìo.

Ma il tuo cuore non batteva che per lei,
i tuoi occhi non vedevano che lei,
Euridice, figlia di Nereo e Doride
fanciulla bella più del sole e della luna.

Euridice per poco tempo fu tua sposa;
Aristeo accecato fu dalla passione,
e correva Euridice, ma un serpente tra le erbe
mise fine alla sua giovane esistenza.

Dolore e pianto bagnaron la tua lira
e scendesti all'Ade per riportarla in vita;
piangevan con te le anime dannate
e Caronte, e Cerbero e le Erinni tutte.

Omnia vincit amor, ed Euridice strinse la tua mano
e si incamminò con te verso la vita e il sole,
ma tu non voltarti Orfeo, non guardarla,
o lei ritornerà tra le braccia di Caronte.

Ma da troppo tempo non vedevi il suo bel volto,
così forte era il desìo di rimirarlo
che voltasti il capo verso lei
e lei scomparve per sempre alla tua vista.

Canta Orfeo, canta di lei e della sua bellezza,
canta di quanto è doloroso dirsi addio,
canta di come non si può resistere al voltarsi,
di come batteva forte il cuore nello stringer la sua mano.

Troppi uomini oggi chiudon le mani a pugno
per colpire volti di donne tumefatti e gonfi,
troppi uomini accecati da demoni invisibili
metton fine a vite di donne senza colpe,
troppi uomini violano corpi come involucri
senza più difese forze e anima,
troppi uomini si arrogano il diritto
di decidere vita e morte delle donne.

Ma tu canta, Orfeo, canta e non fermarti mai,
canta affinché giunga il canto disperato
di donne violentate, oltraggiate e sfigurate
lassù dove esiste solo canto, pace e amore.
Vorrei avere la tua lira per cantare come te,
ma ho solo una chitarra e non so se basterà.

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0