PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Notturno

mi rigiravo nel letto pensando alle passate

nottate, sbattuto qui e lì da mille pensieri.
il caldo fruscio delle coperte accompagnava ogni mio movimento,
abbracciandomi e cullandomi ad ogni respiro.
Lo sguardo perso nelle tenebre della stanza vedeva nel notturno mille colori e sfumature, diverse qualità di quel lugubre mantello che tutto avvolgeva, tracciare contorni mostruosi di strane creature. Mani tenebrose punzecchiavano, al mio contorcermi, ogni angolo di quel sogno strano e, silenziosa, una lunga cascata d'angoscia levigava scrosciante le mie certezze.

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti: