PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il Boa

La mia hunday getz.

E il mito dello studio.

Ed il mito dei soldi,
nascosto nel mito dello studio,
culla in cui c'hanno cresciuto,
e piante,
che respirano anidride carbonica
per uomini che respirano ossigeno.

Prevaricando si impara.

Cercavamo,
e i silenzi,
per poi rifuggirli allora.
Lo perderai! Cosi lo perderai!

E donne,
che vogliono l'hijab per essere ancora.

Da mia nonna che è due anni che è morta,
sepolta, fino a gli orizzonti interstellari.

Pianeti che dopo un miliardo di anni
alzano finalmente gli occhi al cielo,
solo cosi,
senza vergogna.

Sfide che disegnano sui quadri dell'anima,

Lauretta mia,
bimba adorata.

cinque uova d'oro alla macchinetta
a Sergio,
che se non becca cento euro prima che chiude so cazzi amari, non torna a casa
dalla signora Carmela.

E poi ce la posso fare.
Corpo tra corpi e banalità varie.

Esisteranno.

Fili che legano quello che appare lontano.
Uomini soli che non diventano zombie.

Arrampicati, sopra ai cumuli degli animali morti prima di loro,
solo per accendere un fato,
faro rosso della speranza,

portali tra noi!

 

0
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Antonio il 21/11/2017 10:49
    C'è un'intensa ricerca spirituale dietro questa bella poesia.

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0