PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Rassegnazione all'oscurità

Oh! Spettro adorato, Vestale in declino,
fuggita al servizio d'un Dio clandestino!
Coi miei profondi inchini d'amante premuroso,
ti stenderò innanzi tappeto rumoroso;
tessuto nei sospiri sfuggiti al tuo scherno,
filtrati attraverso la gola dell'inferno.
Ma quando questo amore diventerà reato
e tu sarai condotta sul campo scellerato,
io consacrato all'odio sarò la tua difesa,
strappata dalle labbra d'un Giuda in attesa;
e il cuore adirato allora ti dirà,
d'aver persino amato la tua crudeltà.
Con quest'ultima vita unita al monastero,
nel quale il desiderio è abate austero,
ti ergerò inoltre nel più profondo abisso,
dell'alma in cui geme l'intero paradiso,
patibolo, sul quale ti strapperò in fine
il bacio con il quale misurerò la fine.
La fine agognata d'un disperato folle
che muore affogato in lacrime d'amore.

 

1
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Antonio il 21/11/2017 10:51
    Una bellissima ode molto ricercata quasi un incontro concreto con la propria spiritualità.

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0