PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La morte d'un cigno

Era un giorno di novembre e il cielo sospirava,
inviando sulla terra i suoi requisiti santi;
come se volesse dire che Colei che Esso amava,
si sbranava in silenzi e a Lui donava i pianti.

Era Ella, eterna Diva, la cui voce scioglieva,
negli occhi di ciascuno le Siberie dolenti;
sola si accarezzava col buio che s'accendeva,
versando fiamme gelate, su suoi occhi ormai spenti.

Miserere! Miserere per noi anime smarrite,
nel deserto che ci scava negli occhi fosse ardenti!
Noi, che della sua Arte con i cuori induriti,
abbiamo preso tutto, senza mai dare.

 

0
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Antonio il 27/11/2017 11:31
    Riflessiva e molto personale questa tua bella poesia.

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0