PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

L'attesa

Osservo incantata le fiamme
che il mio sguardo vacuo
taglia, bruciandosi
nel ricordo di un lontano abbraccio.
Mi trascino sotto la pioggia gelata
e trafitta da mille lame aguzze
la mia angoscia resiste
come un guerriero soggiogato.
Svendo solerti e falsi sorrisi
all'apatia della folla
indifferente al sole e alle stelle,
sedata dalla noia e dal torpore.
Il mio squallido piatto
mi nutre con cibo senza sale,
senza amore e senza colore
che non sazia la mia miseria.
Vado incontro alla tramontana
forte nella mia corazza,
che si accartoccia
lasciandomi flessa sul campo,
sconfitta dal peso della mia debolezza.
E piango quelle lacrime troppo amare
e troppo a lungo custodite
nell'attesa che il tuo caldo respiro
le asciugasse.

 

2
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Mia il 05/12/2017 19:56
    Grazie Gianni per il tuo commento. Ogni mia parola fa pensare ad un amore non corrisposto e ad un'attesa inutile. Eppure questi pensieri sono dedicati alla comunità, la mia e forse anche quella generale, responsabile con la propria indifferenza di tanto dolore e di tante vane speranze.
    Grazie!
  • Gianni Spadavecchia il 30/11/2017 10:12
    Poesia molto intensa, è stata capace di trasportarmi.
    Bella.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0