PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Più non giocava la gatta

Da tre mesi più non giocava la gatta
Briscola la cara dolce mia micina
a nascondino come faceva da tre anni
in modo furbo scherzoso malandrino
viva ammiccante dopo in quel rifugio
a farsi festante sempre ritrovare che
la malattia alla fine sulle cure aveva
prevalso e quel paffuto tipo Garfield
corpicin trotterellante ora in esserin
povero ridotto nel suo stanco correr
e fuggir da me lontano che ritrovato
dopo affannoso qui e là cercar mio
al man che dolcemente l'afferrava
triste il musin sembrava dire più
doman dove sarò cercar mi devi
che stanca son e i tempi dei giochi
nostri ormai finiti, lì in pace lasciami
morire e poi sotto un fiore del giardin
scava ma senza lacrimar la tomba mia
ricordando quel tempo nostro del passato!

 

0
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Antonio il 03/12/2017 11:31
    Quando uno ama gli animali ama anche le persone e sopratutto se stesso. Molto bella.

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0