PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Nun se po' fa!

Stanotte ho fatto 'n sogno,
uno de quelli belli, affatati,
uno de quelli andò ce stava
tutto l'amore der monno.

M'arricordo che na bambina bianca
teneva pe la mano a 'n bambino nero,
e tutti e due poi ballaveno er rock en rolle
drento a 'n campo tutto pieno de neve.

Nun ce stavano più 'e guere e li bombardamenti,
i palestinesi s'abbracciaveno co l'israeliani,
Trampe magnava con quelli dell'Isisse
e Berlusconi annava a divertisse con Renzi e Grillo.

Quanno li barconi de li neri arrivaveno
a li porti de la Sicilia e Lampedusa
a banda sonava Imegin de Gion Lennon
e li fuochi s'accennevano ner celo.

Se faceva festa e se magnava senza
ammazzà nisuno, e li poveri
animali ringraziaveno con tanto
de lacrime nell'occhi e co rispetto.

Er bambinello nun nasceva drento a na stalla
ar freddo e cor fiato der bue e l'asinello
ma drento 'na villa ar cardo e co tanti
medici e 'nfermiere attorno alla Madonna.

Che bello pensavo se er monno fosse così
come 'sto sogno, se ll'omini nun menassero
le donne, se i ladri nun annassero a rubbà
e l'assassini nun ammazzassero più a gente.

Ma mentre stavo sur più bello de 'sto sogno
sento 'na voce forte, potente e onnipotente
che me fa: "Aho, ma che te sarai ammattito?
Ma se er monno fosse così come er tuo sogno
nun ce sarebbero più l'inferno, i diavoli e le fiamme
e me faresti crollà tutta l'imparcatura d'a creazione.
C'ho messo tanto a creà l'inferno, er paradiso e er purgatorio
e tu me voi distrugge tutto per un sogno?
E andò ve metto tutti dentro ar Paradiso?
Nun ce stà er posto; nun se po fa!!!

 

1
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0