PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Napoli, bella e... sapurita

Comm'si bella Napoli
sott'a stù cielo azzurr
e o sole ca se specchia
dint'a nu mare blu.

A gente s'arrecrea
passianne pa marina,
l'aria è doce doce,
è o struscio e l'allegria.

A folla, in prucession
saglie Santa Lucia
e a piazza Plebiscito
se ferma a t'ammirà.

Cu l'uocchie spalancat
scatt foto, fa filmati,
a città e Pullecenella
sa vonno arricurdà.

Via Toledo stà cchiù n'anz,
bar, pub e pizzerie,
dopp tante meraviglie,
è o mument e penzà a panza.

Russi, Gialli, Americani,
senza scuorn o cuoppo mman,
e Tedesch e gli Olandesi
se strafogano, con voglia,
ddoie trè pizze a portafoglio.

N'ora e fila da "Esterina"
pe pruvà a pizza fritta,
nà nguacchiata e pummarola,
piezz'e provola campana,
pepe, ciccioli e ricotta.

L'uocchie e a panza
mò so cchien,
ma ce mancano tre cose
ca nun ponno mai manca.

Al "Gambrinus" nù babà,
di rimpetto a sfugliatella,
e pè cumpletà e sapori
nu cafè a'ddo "Professore"

Signurì, Napoli è questa,
nun'è chella de giurnali,
dei media, de gnurant,
quelli sparano sentenze
per invidia o pè parla.

Si, è o vero, tanti problemi,
ma a gente cà è seria,
chianu chianu e Dio vulenn,
a nuttata passarrà.

Vieni a Napoli, paisà,
o calore da città,
e bellezze e i suoi sapori,
te fanno annammurà.

 

1
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • ciro giordano il 08/04/2018 20:29
    mi ha divertito, e dato un pizzico di nostalgia, comunque scritta bene

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0