username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Paziente, vecchio amico...

Mi chiamo ALBERO e dicono sia generoso,
ma io non me ne vanto, non sono presuntuoso.

Mi piace aiutare gli altri, è nella mia natura,
ma è da un po’ che mi prende una paura…

Ho visto cadere tra i miei amici il più forte
ed ho sentito dire che sarebbe finito in “porte”.

Non so che significhi questa parola così strana,
credo sia un’altra terribile invenzione umana.

Mi sono abituato ormai a questi esseri viventi,
ma più li conosco, più mi sembrano invadenti.

Io non mi lamento se nel mio tronco incidono frecce e cuori,
mi fanno male, ma dimostrano così il loro primi amori;

non mi disturba che si arrampichino a me malamente,
tanto, se cadono, solo per me è divertente!

In autunno regalo loro volentieri le mie foglie colorate
e rendo più accoglienti i viali per le loro passeggiate.

Durante l’estate, invece, li accolgo sotto di me a riposare,
mi fanno compagnia, ma se ne vanno quasi sempre senza neppure salutare!

E quanto mangiano queste minuscole creaturine,
il loro stomaco è davvero un pozzo senza fine:

vegetali, animali, pesci, ogni ben di Dio
ed i loro bisogni fisici, poi, li devo sopportare io

che mi nutro solo di sali minerali
ed i miei scarti per loro sono ossigeni vitali!

E?" a proposito- che dire di quell’idea balzana
di chiamare il mio respiro “fotosintesi clorofilliana”?

Allora a ciò penso e ripenso...-e la risposta mi è oscura-:
perchè mai un solo albero è capace di riempire cento polmoni d’aria pura,

ma, tra cento, un solo animo è così riconoscente
da rendere grazie ad un amico vecchio e paziente?

 

1
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • Angelo Senatore il 26/04/2012 16:27
    Davvero meravigliosa. Una brillante intuizione. Un albero diviene lettore delle aliene ed inopportune usanze umane... molto bella, davvero piaciuta
  • Filippo Minacapilli il 07/04/2012 16:25
    Da divulgare... si fa scempio assurdo! Brava... mi piace!
  • Ivan il 02/01/2008 12:28
    L'ho riletta grazie a una notifica, mi é piaciuta ancora di più. Bravissima.
  • Ivan il 21/09/2007 00:40
    Di solito quando una poesia é in rima, mi fermo alla prima strofa... sono arrivato in fondo e... mi é piaciuta.
  • Ivan Benassi il 16/08/2007 00:20
    Bella. Bella. Bella.
  • Ugo Mastrogiovanni il 02/07/2007 18:16
    Bella; indovinata nello stile, corretta nella rima, simpatica nel contenuto.
  • sara rota il 02/07/2007 08:19
    Semplicemente magnifica... Io amo la natura e tu hai descritto quest'albero come essere vivente, capace di pensare, di agire di raccontare. 10, perchè non posso darti di più.
  • roberto mestrone il 01/07/2007 22:41
    Che bella!!!!
    Penso i nostri amici pieni di foglie ti saranno riconoscenti!
    Brava Barbara!
    Ro

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0