PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

L'usignolo e la rosa

pagine: 12345

- Ha detto che ballerà con me se le porterò delle rose rosse - si lamentava il giovane Studente - ma in tutto il mio giardino non c'è una sola rosa rossa.
Dal suo nido nella quercia lo ascoltò l'Usignolo, e guardò attraverso le foglie, e si meravigliò:
- Non ho una rosa rossa in tutto il mio giardino! - si lamentava lo Studente, e i suoi begli occhi erano pieni di lacrime.
- Ah, da qual sciocchezze dipende la felicità! Ho letto gli scritti di tutti i sapienti, conosco tutti i segreti della filosofia, ciononostante la mancanza di una rosa rossa sconvolge la mia vita!
- Ecco finalmente un vero innamorato - disse l'Usignolo. - Notte dopo notte ho cantato di lui, nonostante non lo conoscessi: notte dopo notte ho favoleggiato la sua storia alle stelle, e ora lo vedo. I suoi capelli sono scuri come i boccoli del giacinto, e le sue labbra sono rosse come la rosa del suo desiderio; la sofferenza ha reso il suo volto simile a pallido avorio e il dolore gli ha impresso il suo sigillo sulla fronte.
- Il Principe da un ballo domani sera - sibilava il giovane Studente - e la mia amata vi andrà. Se le porterò una rosa rossa ballerà con me fino all'alba. Se le porterò una rosa rossa la terrò fra le mie braccia ed ella piegherà il capo sulla mia spalla, e la mia mano stringerà la sua. Ma non c'è una rosa rossa in tutto il mio giardino, e così io siederò solo, ed ella passerà dinnanzi a me senza fermarsi. Non avrà nessuna cura di me. E il mio cuore si farà a pezzi.
- Ecco certamente un vero innamorato - disse l'Usignolo. - Ciò che io canto, egli lo patisce, ciò che per me è gioia, per lui è pena. Davvero l'Amore è una cosa straordinaria. È più prezioso degli smeraldi e degli splendidi opali. Perle e granati non possono comperarlo, e non è in vendita sulla piazza del mercato. Non possono comprarlo i mercanti, né pesarlo le bilance dell'oro.
- I musicanti siederanno nella galleria - proferiva il giovane Studente - e suoneranno i loro strumenti, e la mia amata ballerà al suono dell'arpa e del violino. Ballerà così leggera che i suoi piedi non toccheranno intorno. Ma con me non danzerà, perché io non ho una rosa rossa da offrirle e si gettò sull'erba, si chiuse il volto tra le mani, e versò lacrime.
- Perché piange? - chiese la Farfalla, che piroettava qua e là inseguendo un raggio di sole.
- Già, perché? - sussurrò una Pratolina al suo vicino, con voce sommessa e tenera.
- Piange per una rosa rossa - disse l'Usignolo.
- Per una rosa rossa! - esclamarono quelli. - Che ridicolaggine! - e il Ramarro, che era un po' sprezzante, rise di gusto.
Ma l'Usignolo comprendeva il segreto dolore dello Studente, e restava taciturno sulla quercia, a pensare sul mistero dell'Amore. D'improvviso distese le sue brune ali e volò, si librò nell'aria. Passò attraverso il boschetto come un'ombra, e come un'ombra svolazzò sul giardino. Al centro dell'aiuola erbosa s'ergeva un bellissimo Rosaio, e non appena l'Usignolo lo vide volò sopra di lui e si posò su un ramo.

12345


0
0 commenti    

0 commenti:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati