PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Ci vuole molto più di una vita per costruire un superbrand. E basta un niente per distruggerlo

Ci sono voluti oltre duecento anni per costruire il Mito Americano. Il Made in the USA. Il brand più potente da quando  il marketing  è apparso sulla faccia della Terra.
      Agli inizi fu l'epopea eroica della scoperta. Della conquista dei grandi spazi, della caccia ai bisonti, dei solitari e avventurosi cow boys, e degli intrepidi soldati blu. Mentre in filigrana si consumava la brutale sopraffazione dei nativi  nel nome di Dio. Poi la crisi del '29 e Hiroshima. Tutto sommato piccoli avvenimenti, che non hanno inciso più di tanto sull'immaginario più ricco, avventuroso e affascinante, dopo quello dell'antica Roma. In fin dei conti,   piccoli schizzi di fango su di un gigantesco poster che urlava ai quattro venti quanto la vita poteva diventare bella col frigo, l'auto, e la tivù. Nel frattempo, la lotta per i diritti civili cresceva e, finalmente, Il Civil Right Act. Il voto ai neri. Poi la Nuova Frontiera  e la soluzione della crisi di Cuba  a rinsaldare il Mito.   La Baia dei porci? Ininfluente incidente di percorso. L'assassinio di Kennedy? Un drammatico stop. Ma, subito dopo, ecco di nuovo il go. La nazione, guida dell'Occidente, non poteva fermarsi per l'inaspettato lutto. Questa era la sua forza!  Mentre il Vietnam scuoteva le coscienze, il vento della Contestazione, per quanto contrario, faceva  più grande la democrazia americana. Che veniva esportata in ogni dove insieme a quella bottiglietta dalla silhouette di donna. E prima della fine del decennio, finalmente, i primi passi sulla Luna. Eri davvero grande, America!

Così fino agli anni ottanta.   Quando, all'improvviso, il colpo di scena: un attore mette piede alla Casa Bianca. Tutto conforme. Tutto può succedere. È l'essenza dell'American Dream!  L'esperienza è meno peggio di quanto si potesse immaginare. Subito dopo, riecco palesarsi  la politica e la sua casta: Bush padre, seguito - dopo una breve parentesi a luci rosse - dal figlio scemo. In quattro e quattr'otto i due rifilano alla faccia buona dell'America un potente uno-due da far barcollare il Mito.   Non so quanti americani se ne siano accorti. Di certo, il resto dell'Impero, resta attonito. E a poco valgono  gli sforzi di uno "sporco negro" per riportare il Paese al top della popolarità. Oggi ne basteranno meno di quattro perché un impresentabile palazzinaro assesti al Mito quel colpo di grazia che lo manderà lungo disteso nella tomba. E non sto parlando dell'American Dream, che nonostante tutto continuerà - anche se un po' acciaccato - ad alimentare le speranze di un popolo di sempliciotti, ma del Superbrand " Made in the USA". Il mito che ha fatto sognare, amare, e consumare  di tutto e di più a intere generazioni. Ben oltre il mondo occidentale. Queste le mille luci e le ombre della Storia.
     
Quanto alla mia personale esperienza, all'inizio furono  gli echi leggendari che arrivarono di rimbalzo  in una sonnolenta provincia italiana.  Insieme  alle voci che, superate le onde dell'oceano,   vennero ingigantite dai passaparola.   E raccontavano di tanti splendori e poche miserie di una terra che sembrava irraggiungibile.   Uno sconfinato Paese dei Balocchi per grandi e piccini. Mentre, dopo la guerra, mia nonna mi raccontava del Circo (Wild West Show) di Buffalo Bill e le sue irresistibili colt in quel di Parma nel 1906, il cinema allevava i suoi fan. Insieme ai fumetti e alla musica pop. Ma soprattutto fu quella rock che ci diede la sveglia.   E, a ruota, la televisione. Mentre la letteratura, seppur grande, fu solo per pochi privilegiati. Se il piccolo schermo ci fece da balia, il cinema ci fece da tutore. Ci educò ai buoni sentimenti  e ci insegnò che i buoni vincono sempre. Ci abituò all'idea  che non eravamo soli al mondo. E che, in caso di bisogno,   sarebbero arrivati i nostri a toglierci dai guai. Beata ingenuità!  Lontano da noi immaginare allora  che  più di metà dei film - non solo quelli di guerra - era pura propaganda. Strategia di marketing & comunicazione. Lunghi megaspot  pubblicitari per consolidare il Superbrand. Finanziati direttamente dal Dipartimento della guerra, dalla CIA, e dalla Coca Cola & associati. E che dire delle strisce? Mikey Mouse, Dick Tracy, Superman, Batman... e poi la musica. Che musica! Roba mai sentita. Da far vibrare e contorcersi le vene. Tutto questo e altro ancora, volenti o nolenti, ci fece tutti un po' americani. E contribuì a  consolidare, tra mille critiche e contraddizioni, il mito dell'America come terra dell'abbondanza e della speranza. Un grattacielo destinato a non finire mai, se non in culo a Dio. Che, sprezzante del pericolo,   continuava  a benedire  mito, sogno, e chi l'aveva creato. A volte mi chiedo:  ma l'America che ho visto io è la stessa America  che hanno visto i nati dopo il 1980? Perché mai dovrebbe essere la stessa? Forse è sbagliato rimanere ancorati  a certe idee, affezionarsi al passato. Bisognerebbe staccarsene. Come dalla famiglia. Diventare adulti. Oltretutto il rimpianto é dei deboli.   Tipico del romanticismo, non del pragmatismo. E oggi le nuove generazioni sono molto più pragmatiche di noi. Di questo c'è bisogno in tempi difficili. Mica di piagnistei. Basta coi cedimenti sentimentali. No ai rimpianti. Smettiamola con la nostalgia del bel tempo che fu. Di rammaricarci delle occasioni perdute.

123

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0