PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Dalla generazione del dopoguerra alla generazione Z

Sono nato nel 1946. Tecnicamente non so a quale generazione appartengo. Io l'ho sempre definita la generazione dell'immediato dopoguerra. A quanto pare, la moderna sociologia parte dopo, con la generazione X, per indicare tutti coloro nati tra i primi anni Sessanta e i primi Ottanta. Prosegue con la generazione Y (la cosiddetta generazione dei Millenial) per indicare gli individui nati tra i primi anni Ottanta e il 2000. E, probabilmente, procedendo per deduzione, penso che oggi parlerà di generazione Z, per definire i nati dopo il 2000. Salvo, nel frattempo, non abbia inventato un nome più fantasioso. Da ciò si deduce che noi, generazione dell'immediato dopoguerra, siamo ormai trapassato remoto. E fra non molto definitivamente trapassati.
Quanto sto scrivendo serve come premessa a tutto ciò che pubblicherò d'ora in poi, che in qualche modo riguarderà la nuova realtà in cui viviamo: l'Infosfera. Cioè tutto il globo terracqueo come lo abbiamo conosciuto sugli atlanti e dalle foto dallo spazio, più la rete delle interconnessioni dovute alle invenzioni della ICT ( Information Communication Technology) che oggi avvolge l'intero pianeta. Se tutto questo vi sembra cinese, non preoccupatevi, lo era anche per me. E, per almeno il 90% lo è ancora. Ma credo che dovremo abituarci a questa idea e alle nuove parole. Soprattutto ai nuovi concetti che si susseguono a ritmo sempre più vertiginoso, se non vorremo essere completamente emarginati. Esclusi. Invisibili. Dimenticati. Tra noi del '46 e la generazione Z non ci separa solo più di mezzo secolo ma, anche se è difficile concepirlo e magari non sempre ce ne accorgiamo, viviamo entrambi in un ossimoro: due dimensioni che corrono parallele e interagiscono intersecandosi di tanto in tanto. Per scambiarsi tiepidi segnali. Di conseguenza abbiamo due modi assai diversi di vedere lo stesso mondo e quella immensa rete che lo avvolge. In ogni caso: benvenuti nell'Infosfera!

E adesso, come antipasto, cominciamo parlando di frigoriferi.
Il nuovo frigorifero smart sa che cosa si trova al suo interno ed è in grado di suggerire ricette (basate sul servizio Epicorious), di ricordarci la presenza di cibi freschi o in scadenza. Può essere sincronizzato con Evernote per condividere la lista del negozio di alimentari. Inoltre può emettere un coupon di carta. Oltre a rispondere vocalmente, con il faccione di Cannavacciuolo su di un piccolo schermo, a domande del tipo: 'zo faccio stasera che viene a cena Samantha?
Fra poco potrà collegarsi alla trasmissione Cuochi e fiamme, inviare gli ingredienti al robot perché li elabori e ai fornelli perché li cuociano. Oltre a connettersi con tutte le interfacce di casa e quelle di amici, parenti e affini; avvertirci sullo smartphone se la vicina ha finito il burro, prima che suoni alla porta di casa. Sarà in grado, inoltre, di fare tante altre simpatiche cose che adesso non mi vengono in mente perché sono del '46. E la memoria va a corrente alternata. Tutto ciò senza dimenticare che il suo avo, il frigorifero a compressore, è nato, o meglio ha cominciato ad essere prodotto in serie, venti anni prima che nascessi io. Ma solo per mantenere cibi e bevande al freddo. Era della General Motors e si chiamava Frigidaire. Nome che per anni ha definito non solo una marca, ma tutta una categoria.

12

2
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • ciro giordano il 29/10/2017 13:30
    la rete, ed è piena di pesci, grandi e piccoli... dobbiamo solo sperare che come tutte le cose umane abbia una fine... interessante e piena di spunti

2 commenti:

  • Gabriele Zarotti il 27/10/2017 10:19
    Caro Vincent,
    come di recente ha detto Angela Davis, in un suo intervento al festival di Internazionale a Ferrara, anch'io, senza alcun merito, ho avuto il piacere e privilegio di vivere un momento straordinario e irripetibile, che è stato consegnato alla Storia come "i favolosi anni 60". Fatta la debita tara da una certa enfasi da ricordo, la vera, grande differenza rispetto a ciò che è venuto dopo, e' che allora ogni domani era promessa di un piccolo passo avanti per noi ( allora ragazzi ) e per l'umanità.
    E, cosa altrettanto importante è che a noi italiani ha risparmiato gli orrori e le devastazioni della guerra. L'unico rammarico, almeno da parte mia, è di non essermi impegnato abbastanza per fare del pianeta un posto migliore dove vivere tutti. E mi dispiace vedere che, con ogni probabilità, la generazione Z (post-millenials) non lo comprenderà mai.
  • vincent corbo il 27/10/2017 07:23
    Io appartengo alla generazione X e mi piace pensare che tra il passato prossimo e il presente dell'infosfera ci sia un salto temporale da fantascienza. Tu (che sei nato nel 46) rappresenti la memoria di questo salto temporale, un privilegio che appartiene agli eletti nati nell'immediato dopoguerra.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0