PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

J. l. b

J. L. B. sta rigidamente seduto su una poltrona nella vasta terrazza di un hotel a Palermo.
Ha il rugoso volto rivolto al cielo che i suoi occhi ciechi non vedono. Sente però la leggera brezza primaverile accarezzargli le vecchie membra. È solo, la terrazza a quell'ora di inizio pomeriggio è deserta. Stringe con entrambe le mani il bastone da passeggio.
Sa che il suo tempo è quasi compiuto. Ha chiesto di essere lasciato qualche minuto in solitudine, ed è consapevole che, a una certa distanza, qualcuno, forse del personale dell'hotel, o qualche curioso, lo sta osservando. Percepisce degli odori e dei rumori in lontananza, da quando non vede più che vaghe ombre, è attento a queste cose.
Sente qualcuno avvicinarsi. Riconosce i passi di M. K., la giovane donna che da anni lo assiste e lo accudisce. Fra qualche giorno la sposerà.
M. K. Siede accanto a lui. Gli comunica che è arrivata la giornalista che deve intervistarlo.
J. L. B. annuisce, ma dice che si sta bene lì fuori in quella tiepida brezza: "Aspettiamo ancora un momento, M. descrivimi ancora quel che vedi attorno a noi" le chiede. "La città di Palermo da una parte e la campagna di agrumi dall'altra. Vedo gli alberi di arance, quello dei gialli limoni e dei cedri, e dei profumati mandarini", risponde pazientemente M. K.. Ma ora all'improvviso, J. L. B. vede un'altra Palermo, vede il quartiere della sua città natale dove ha vissuto la sua giovinezza.
La sua mente - ancora prodigiosa - che riesce a ordinare e collegare fra loro, le indefinite conoscenze di una vita di studi e letture sui libri delle più svariate letterature e filosofie della cultura occidentale e orientale, spazia ora nei ricordi del suo passato, e salta dall'uno all'altro, mormorando parole, o qualche verso che le labbra esangui faticosamente recitano.
"Libero dalla memoria e dalla speranza,
illimitato, astratto, quasi futuro,
il morto non è il morto: è la morte."
Gli pare di rammentare l'inizio di questa poesia che scrisse forse nel 1923.
Sa, come già allora sapeva, che ad attenderlo non è il Mistero ma il nulla.
Da tempo lentamente si abitua a quella che ancora non è la tenebra.
"Questa penombra è lenta e non fa male;
scorre per un mite pendio
e assomiglia all'eternità."
Benché sappia quanto ingannevole possa essere la memoria, ricorda che anche questo scrisse molti anni prima, ma lui vuole dimenticare ed essere dimenticato.

M. K. posa la mano sulla sua spalla ridestandolo da quei pensieri, la giornalista lo sta salutando.

123

1
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Ellebi il 14/11/2017 19:59
    Ti ringrazio del passaggio Nicola, un saluto...
  • Nicola Lo Conte il 13/11/2017 20:47
    Bello e godibile racconto, garbata sfaccettatura di una insolita vita da non vedente, ma ben pensante.
  • Ellebi il 05/11/2017 20:54
    Già, proprio così, ciao Vincent, è un pezzo che manco da PR, ma non mi pubblicavano più niente, ora invece improvvisamente questo è passato, e vedo che conosci Borges, spero che non ti sia dispiaciuta questa mia versione... un saluto
  • vincent corbo il 05/11/2017 06:26
    Dal quartiere Palermo di Buenos Aires alla città di Palermo in Sicilia con gli occhi della signora Kodama, poi alla volta dei templi greci e del mare di Omero.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0