PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

L'insostenibile leggerezza del dire

Dire. Fare, baciare, lettera, testamento.
Non mi è mai piaciuto parlare. Nemmeno sentir parlare.
Anche se da bambino, appena liquidate lallazione e parole in libertà, sembra che sia stato un gran chiacchierone.
Un "gran ciciarò", come usava dire mia madre, con sguardo amorevole e tono di benevolo rimprovero.
Verso i sette/otto anni, all'improvviso, è accaduto l'inaspettato: come per incanto ho cominciato a diventare taciturno. Forse colpito da un sortilegio. La maledizione di qualche vittima della mia precoce ed effimera logorrea.
L'adolescenza l'ho passata in estrema timidezza. Avaro di parole. Davanti agli estranei, l'alfabeto, invece di articolarsi e assumere forma sensata, precipitava nello stomaco. E da lì non c'era verso di schiodarlo.
Perfino il telefono mi mandava in tilt. Odiavo l'infernale macchina nera attaccata alla parete del corridoio. Temevo sempre che da un momento all'altro si sarebbe messa a squillare, costringendomi a pronunciare la fatidica domanda: pronto, chi parla? Ma era un duplex e fortunatamente l'associato stava sempre incollato alla cornetta, così da dissuadere chiunque fosse intenzionato a comunicare con casa nostra.
Allora non esistevano i logopedisti. E se mai c'erano, dato il nome che si prestava a fraintendimenti, se ne stavano ben nascosti. Quanto a psicologi e psicanalisti per la gente del popolo curavano i matti.
Dopo la maggiore età, le cose sono migliorate. Il duplex è diventato simplex, ma parlare continuava a non essere il mio forte. Conversavo volentieri solo con gli amici. A volte ero perfino ciarliero. Ma niente da fare: in presenza di estranei o in pubblico, preferivo restare in silenzio. Anche ascoltare non mi faceva impazzire..
Le omelie mi sono sempre sembrate insopportabili. I discorsi dal palco una noia mortale. Quelli di circostanza, non parliamone! La recita scolastica mi faceva venire lo scorbuto. Gli slogan gridati del '68, sebbene mi appassionassero, mi imbarazzavano. Preferivo di gran lunga le scritte sui muri. Meglio andava con le lezioni a scuola. Ma solo quando il prof non tromboneggiava.
Oggi, nell'era degli imbonitori, dei millantatori, dei parolai, dei grandi bugiardi, sono contento di essermi tenuto fuori dal coro. Non sopporto chi vive di parole. Come i politici. Chi ne abusa per il proprio tornaconto. Come i tuttologi. Chi le utilizza per nascondere il proprio pensiero. Chi si compiace e gode nell'ascoltarsi. Chi fa delle parole un'arma.
Non posso reggere quelli che recensiscono in tivù i libri di cui sono autori. È come cantarsela e suonarsela da soli. Masturbarsi in pubblico. Quanto ai talk show mi hanno ormai portato a disprezzare il genere umano. Tanto che prenderei volentieri tutti a calci in culo. Con doppia razione per i conduttori.
La parola parlata è diventata talmente aggressiva, invadente e infida da assumere false sembianze di scrittura, grazie a internet. Agli indecenti tweet e le impersonali e barbose chat.
Molto meglio scrivere, ma scrivere per davvero, soprattutto per se stessi. Meditare. Fissare i propri pensieri. Rilassati e in piena libertà.

12

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0