PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Due chiacchiere con un amico

"Se valutassimo le persone non solo sulla base della loro intelligenza ed educazione, le loro occupazioni e il loro potere, ma sulla base della loro gentilezza e del loro coraggio, della loro immaginazione e della loro sensibilità della loro simpatia e della loro generosità, non avremmo nessuna disuguaglianza di quelle cui siamo abituati. Chi potrebbe sostenere che uno scienziato sarebbe superiore a un facchino che ha la dote di essere un ottimo padre, il funzionario pubblico al camionista con un abilità particolare per coltivare le rose? Una società pluralistica dovrebbe essere una società tollerante, in cui le differenze individuali dovrebbero essere incoraggiate più che tollerate passivamente, in cui sia dato pieno significato alla dignità delle persone.
Ogni essere umano avrebbe cosi l'opportunità per sviluppare le sue speciali capacità per condurre una vita degna nell'interesse e in beneficio degli altri come di se stesso"
"Bella frase, di Young giusto?"
"Si"Faccio scendere un altro po' di Whisky
"L'orribile meritocrazia di Young, non c'è male peggiore "
"Forse qualche genocidio, ma non tutti "Mi verso un goccio alla bocca
"il problema non è la meritocrazia in se, ma i processi che genera"
"Cosa genera?"
"Egoismo, avidità , sopraffazione sociale, ostentazione "
"Ma è tutto dovuto!"
"Ma non consideri il contesto sociale, l'istruzione e la fortuna, in questi termini la meritocrazia può essere vista come la dittatura di chi possiede nozioni scientifiche! E poi non consideri la misurazione del merito, che non può essere mai oggettiva"
"Voi egualitari volete soffocare tutti i talenti umani, volete l'omologazione più ripugnante "
"Al contrario, voglio la massima realizzazione dei talenti, anche quelli improduttivi"
"Stai vaneggiando"
"Creare lavori solo per gratificare uomini, senza produzione di ricchezza, Sarebbe l ideale no?"
"Sono vagheggiamenti sessantottini, l'autodistruzione del paese, voi anarchici distruggerete l'eccellenze italiane senza rigore, disciplina..."
"Esami, file, punizioni... schemi comportamentali, potrei continuare per molto"
"Ti è mai capitato di andare all'estero, in nord Europa e di avere la sensazione che tutto funzioni, ma che ci sia comunque qualcosa di sbagliato?"
"Cosa intendi?"
"Anche con il caldo e incontrando persone solari ed educate, con tutto al proprio posto, c'è ancora qualcosa che non vada?"
"Mai provato nulla del genere"

123

2
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • vincent corbo il 28/01/2018 12:47
    Letto con molto interesse... un tema che fa riflettere parecchio.

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0